Ministero della Sicurezza inglese mette in guardia su possibili attacchi ISIS

Pubblicato il 2 gennaio 2017 alle 15:00 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministero della Sicurezza Nazionale inglese ha riferito che l’ISIS sta pianificando un attacco chimico di massa in Inghilterra.

La notizia è stata definita dal Ministero “la peggior paura” di ognuno. Il Ministro della Sicurezza di stato, Ben Wallace, ha affermato che il gruppo terroristico ha già utilizzato armi chimiche in Siria e in Iraq, dove controlla diverse aree. Per di più, le autorità marocchine hanno scoperto che una cellula terroristica, lo scorso febbraio, era in possesso di sostanze che possono essere utilizzate per fabbricare un ordigno o come tossine mortali. Wallace ha detto che “l’ambizione dell’ISIS è quella di effettuare attacchi di massa per colpire il maggior numero di persone e per terrorizzarne il più possibile”, aggiungendo che i miliziani non hanno alcun scrupolo a utilizzare armi chimiche contro popolazioni e, se potessero, le userebbero contro l’Inghilterra.

I commenti del ministro, durante un’intervista rilasciata ieri, sono arrivati prima dell’attentato di Istanbul, in cui un terrorista ha ucciso 39 persone in un noto nightclub della città turca. Durante l’intervista, Wallace ha messo in guardia circa la minaccia da parte del “nemico interno”, come gli attaccanti informatici. “La minaccia interna è reale e può essere sfruttata dalle persone interessate anche in questo esatto momento in cui parlo”, ha concluso il ministro, aggiungendo che l’ISIS sta perdendo diverse roccaforti in Medio Oriente, perciò i foreign fighters di ritorno sono una minaccia imminente. Sono circa 800 i cittadini britannici che si sono uniti al gruppo terroristico e solamente la metà sono stati rimpatriati.

Le raccomandazioni di Wallace arrivano alla fine di un anno in cui l’Europa è stata teatro di diversi attacchi in cui sono stati utilizzati mezzi poco sofisticati, come camion nei casi di Nizza e Berlino. Lo scorso marzo, l’ISIS ha rivendicato anche gli attentati coordinati effettuati da tre attentatoti suicidi che si sono fatti esplodere nell’aeroporto e nella metro di Bruxelles.

Bandiera inglese. Fonte: Wikipedia

Bandiera inglese. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Europa Russia

Consiglio UE: Bulgaria contro sanzioni anti-russe

La Bulgaria, che presiederà il Consiglio dell’Unione Europea nella prima metà del 2018, ha intenzione di chiedere l’annullamento delle sanzioni imposte nei confronti della Russia

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre

Europa Immigrazione

Alfano all’Onu: Italia sempre più impegnata in Libia

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, in occasione della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York, ha incontrato due funzionari libici

Europa

Catalogna: blitz della Guardia Civil. Esplode la protesta

Si fa sempre più alta la tensione in Spagna, dove si avvicina l’atteso giorno del referendum sull’indipendenza della Catalogna, previsto il prossimo 1 ottobre

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Europa

Referendum catalano: Madrid si prepara

La prevenzione del referendum sull’indipendenza catalana non è l’unica preoccupazione del governo di Madrid, che deve prepararsi ad affrontare diversi scenari possibili: dalle elezioni anticipate al ritiro delle competenze autonomiche alla Catalogna. I …


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.