Iraq: ISIS attacca checkpoint della polizia

Pubblicato il 2 gennaio 2017 alle 8:00 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I militanti dell’ISIS hanno attaccato un checkpoint della polizia nella città irachena di Najaf.

Al Arabiya English riporta che nell’attentato, avvenuto ieri, sono morti almeno 7 poliziotti e sono state ferite 17 persone tra cui diversi civili. I terroristi stavano viaggiando nel deserto nei pressi della città di al-Qadisiya, ad ovest di Najaf, a bordo di due veicoli. Quando la polizia ha fermato il primo veicolo, il guidatore ha attivato il carico esplosivo, mentre il secondo ha proseguito per poi essere fermato dagli agenti che hanno ucciso due militanti al suo interno.

L’ISIS ha rivendicato l’attacco attraverso un comunicato online, in cui è stato riportato che quattro uomini armati hanno aperto il fuoco prima di attivare le cinture esplosive e che un quinto assalitore si è scagliato con un’autobomba contro la polizia irachena.

Najaf, a 160 chilometri da Baghdad, è lontana dalle ultime battaglie tra i militanti dello Stato Islamico e l’esercito iracheno nella città di Mosul, a nord del paese. Il gruppo terroristico non ha mai vantato una forte presenza nelle aree meridionali dell’Iraq, ma è riuscito a lanciare attacchi occasionali nella regione intorno a Najaf, che è abitata da un alto numero di sciiti. Nonostante la liberazione di Mosul potrebbe porre fine al sedicente califfato, i suoi militanti sarebbero comunque in grado di portare avanti una sorta di guerriglia in Iraq. Non a caso, il capo della polizia irachena dell’area in cui è avvenuto l’attentato, Haider Ghalibi, ha riferito che sono state incrementate le misure di sicurezza per paura di nuovi attacchi.

Da quando è iniziata l’offensiva da parte della coalizione statunitense il 17 ottobre, le forze militari si sono riappropriate di un quartiere di Mosul, grazie alla più grande operazione di terra attuata in Iraq dal 2003, anno in cui gli americani invasero il paese mediorientale per rovesciare il dittatore Saddam Hussein. Il Primo Ministro iracheno, Haider al-Abadi, ha riferito che il gruppo terroristico sarà espulso dal paese entro aprile. La campagna militare contro l’ISIS, in seguito a settimane di stallo, ha liberato molte aree dalla presenza jihadista, nonostante una feroce resistenza. L’attacco di ieri è avvenuto ad un giorno di distanza dall’attentato al mercato di Baghdad, che è stato più sanguinoso degli ultimi mesi. Nell’occasione, due terroristi si sono fatti esplodere uccidendo 28 persone.

Cartina dell'Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

Cartina dell’Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.