Cuba celebra la Rivoluzione per la prima volta senza Fidel Castro

Pubblicato il 2 gennaio 2017 alle 12:00 in America Latina Cuba

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 1 gennaio 1959 con la fuga di Batista si aprì un’epoca della storia dell’Isola che dura ancora oggi.

Le autorità cubane celebrano oggi il cinquantottesimo anniversario del trionfo della rivoluzione per la prima volta senza la presenza  fisica del “Líder Máximo”. L’organo ufficiale del Partito Comunista di Cuba, il Granma, sottolinea come il legato di Fidel Castro sia stato raccolto da milioni di cubani in occasione dei suoi recenti funerali.

Il nuovo anniversario arriva – continua il giornale del PCC – con una serie di interrogativi: come si comporterà Trump nei confronti di Cuba? Come procederà il cammino di riavvicinamento tra L’Avana e Washington? E soprattutto cosa succederà a Cuba dopo la morte di Castro?

Il Presidente e Primo Segretario del Partito Raúl Castro almeno sull’ultimo quesito non ha dubbi. “Fidel se n’è andato invitto – ha dichiarato lo scorso 27 dicembre – ma il suo spirito di lotta rimarrà nella coscienza di tutti i rivoluzionari cubani di oggi, di domani e di sempre”.

Quest’anno accanto alla tradizionale parata militare nella Piazza della Rivoluzione della capitale cubana, si svolgerà una marcia popolare. La marcia ricorderà il sessantesimo anniversario dello sbarco della nave Granma sulle coste dell’Isola, il 2 dicembre 1956, con la leadership dell’Esecito Ribelle. Fu l’episodio che diede inizio alla lotta armata contro il dittatore dell’epoca Fulgencio Batista.

La marcia avrebbe dovuto avere luogo lo scorso mese di dicembre ma la data venne a coincidere proprio con la morte di Fidel Castro.

Il governo considera le celebrazioni di oggi come un modo per riaffermare la volontà del popolo cubano di continuare il percorso iniziato da Fidel Castro 58 anni fa. I giornali dell’opposizione, da Miami, le considerano come un modo per perpetrare il potere di una dittatura inefficiente e di un sistema fallimentare.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

Fidel e Raúl Castro in occasione di un congresso del PCC. Fonte: Wikimedia Commons

Fidel e Raúl Castro in occasione di un congresso del PCC. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.