Spagna: riprende il dibattito sull’indipendenza della Catalogna

Pubblicato il 28 dicembre 2016 alle 20:00 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’arresto di un assessore del comune di VIC causa una nuova levata di scudi del fronte indipendentista.

L’arresto di Joan Coma, amministratore del comune di Vic, ha causato reazioni da parte di tutti i partiti indipendentisti. Coma, esponente del partito anti-capitalista CUP, è stato arrestato per non aver risposto ad un mandato di comparizione. L’assessore era stato convocato per aver lanciato, lo scorso ottobre, un appello a disobbedire alle sentenze della Corte Costituzionale spagnola.

L’episodio segue di poche settimane l’interrogatorio in tribunale della Presidente del parlamento catalano, Carme Forcadell. La presidente era stata ascoltata per aver programmato e diretto un voto del parlamento regionale sull’indipendenza dalla Spagna. L’episodio aveva provocato manifestazioni di massa a sostegno di Forcadell a Barcellona e in altre città della Catalogna.

La Generalitat, il governo regionale, tramite la portavoce Neus Munté ha espresso solidarietà a Coma e al suo partito. I voti della CUP sono essenziali per il governo di Carles Puigdemont, della coalizione indipendentista Junts pel Sí. Junts pel Sí è risultato dell’alleanza tra i conservatori di Convergència e il partito di sinistra Esquerra Republicana de Catalunya (ERC).

Al governo regionale si sono uniti esponenti di tutti i partiti indipendentisti, che considerano l’arresto una provocazione. Molti esponenti indipendentisti, anche dell’opposizione, hanno chiesto al presidente Puigdemont di organizzare quanto prima un referendum definitivo sull’indipendenza.

Lo scorso 23 dicembre Puigdemont aveva convocato un Patto Nazionale per il Referendum che aveva sancito la divisione tra chi chiede un voto immediato e unilaterale e chi preferisce concordare la consultazione con lo stato spagnolo. Tra i primi la presidente del parlamento Forcadell e il vicepresidente della Generalitat Oriol Junqueras. Tra i secondi lo stesso Puigdemont e il sindaco di Barcellona, Ada Colau.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino.

Manifestazione indipendentista a Barcellona. Fonte: Wikimedia commons

Manifestazione indipendentista a Barcellona. Fonte: Wikimedia commons

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.