Punto d’incontro tra Argentina e Regno Unito sulle Falkland

Pubblicato il 28 dicembre 2016 alle 16:00 in America Latina Argentina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’accordo riguarda l’identificazione dei soldati argentini scomparsi nel conflitto del 1982 e i voli tra le isole contese e l’Argentina.

Il governo britannico e quello argentino hanno raggiunto un accordo sull’identificazione dei soldati argentini sepolti nel cimitero di Darwin. Lo ha reso noto il ministero degli esteri del paese latinoamericano. L’opera di identificazione dei soldati, a cura della Croce Rossa, inizierà nei primi mesi del 2017.

Il ministro degli esteri Malcorra ha voluto sottolineare come l’accordo nasca da un’iniziativa argentina con scopi puramente umanitari. Il governo di Buenos Aires intende, infatti, compiere un atto di giustizia nei confronti delle famiglie dei caduti e “saldare un debito storico”, secondo quanto dichiarato dal ministro.

Buenos Aires e Londra hanno raggiunto un accordo anche per quanto concerne i voli tra le Isole e il territorio argentino. I due governi hanno deciso di aumentare il numero di voli, previo accordo con le autorità aeroportuali di Cile e Brasile. I voli tra le Falkland/Malvinas e l’Argentina, infatti, fanno obbligatoriamente scalo in uno dei due paesi citati.

Il governo di Buenos Aires ha sottolineato, tuttavia, che si tratta di accordi che non riguardano la sovranità delle isole, rivendicata dall’Argentina.

Le isole Falkland, Malvinas per gli argentini, si trovano a circa 700 Km dalle coste argentine. Abitate da poco più di 3000 persone, sono state oggetto di un conflitto tra l’Argentina e il Regno Unito tra aprile e giugno del 1982. La guerra si concluse con la vittoria delle forze armate inglesi, ma l’Argentina continua a rivendicare la sovranità sull’arcipelago.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino.

Bandiera delle Isole Falkland. Fonte: wikimedia commons

Bandiera delle Isole Falkland. Fonte: wikimedia commons

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.